Situazione donazioni

Dalla relazione presentata all’Assemblea annuale del 28 febbraio 2016 ricaviamo i dati numerici di AVIS Comunale Cremona, una realtà sempre viva, attuale e multietnica.

I grafici evidenziano un’AVIS Comunale sempre in buona salute con 5.371 donatori attivi, confermando così la posizione di sicura eccellenza nel panorama lombardo. 

Rispetto agli anni passati abbiamo visto un decremento dei donatori poichè molti sono usciti dall’associazione per diversi motivi, più precisamente 52 per età, 90 per salute, 56 per trasferimento/lavoro, 369 poichè non rispondevano più alle diverse convocazioni e 57 senza motivi specificati.

Incrementi percentuali annui: 1,77% (2011); 1,96% (2012); 3% (2013); -1,25% (2014); -5,9% (2015).

L’incidenza dei donatori dell’AVIS Comunale Cremona sulla popolazione totale di riferimento è diminuita al 7,5% a fine 2015 rispetto al 8% del 2014. Se consideriamo la fascia di età 18-65 anni, la sola a cui AVIS può attingere, allora tale incidenza sale al 12,5%. Un traguardo che ci posiziona ai vertici del sistema AVIS nazionale se consideriamo che l’organizzazione Mondiale della Sanità stabilisce che per raggiungere l’autosufficienza il rapporto donatori/popolazione totale deve essere pari al 3-4% della popolazione stessa. Da una parte questi dati ci riempiono di orgoglio, ma dall’altra non devono farci abbassare la guardia; per quanto il compito non sia facile, essi ci devono spronare a continuare con costante determinazione nell’opera di sensibilizzazione e di promozione del dono del sangue, in particolare su giovani e cittadini stranieri.

Il numero dei donatori sospesi è salito nell’ultimo biennio. Negli anni sono stati progressivamente introdotti esami clinici e screening più selettivi e restrittivi, fondamentali per aumentare la sicurezza dell’attività donazionale, a vantaggio tanto dei beneficiari quanto dei donatori.

 

Scarica il documento riepilogativo »